La legge sul Biotestamento

Biotestamento, breve analisi della legge appena approvata in parlamento

Il biotestamento è uno degli argomenti caldi nel panorama politico. Su questo e lo Ius soli si combattono le ultime battaglie di questa legislatura. Vediamo di fare un po’ di chiarezza sul biotestamento.

Biotestamento vs Eutanasia

Per Biotestamento s’intende la legge riguardante le “Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento sanitario”. La legge racchiude le norme che permettono al malato di decidere quando far cessare nutrizione e idratazione, venendo accompagnato verso la fine dei giorni. Da non confondere con l’eutanasia, la quale rappresenta un suicidio assistito, di solito provocato tramite cocktail di sonniferi.

Il contenuto della legge

Le norme principali contenute nella legge sono:

  • Consenso informato. presente nel sistema sanitario nazionale per quello che riguarda la conoscenza dei rischi che il paziente corre sottoponendosi a un’operazione. Con la nuova legge sarà arricchito con le norme in materia di trattamento sanitario anticipato.
  • Possibile stop a nutrizione e idratazione artificiale. E’ il cuore della legge e permette ai maggiorenni, capaci d’agire, di rifiutare nutrizione e idratazione.
  • Abbandono delle cure e obiezione di coscienza per i medici. Poiché il paziente può rifiutare le cure, è data ai medici la possibilità di fare obiezione di coscienza, rifiutandosi di “staccare la spina.”
  • Divieto di accanimento terapeutico e sedazione profonda. In caso di malattia incurabile, nel breve periodo, il medico si dovrà astenere da applicare cure sproporzionate al paziente. Il medico può ricorrere alla sedazione palliativa profonda in associazione con la terapia del dolore, con il consenso del paziente, nel caso in cui la situazione di quest’ultimo sia irreversibile.
  • Sostegno psicologico. Nel caso in cui la paziente faccia rinuncia al trattamento sanitario questo ha diritto di essere seguito da uno psicologo.
  • Minori e incapaci. In questo caso, dopo le dovute informazioni, se il minore o l’incapace decidono di interrompere il trattamento, si dovrà passare dal tutore. Se quest’ultimo rifiuterà le cure, si dovrà andare dal giudice tutelare, il quale avrà l’ultima parola.
  • Le Dat. Sono disposizioni anticipate di trattamento, con le quali un maggiorenne capace d’agire, può decidere di rifiutare le cure nel caso in cui diventi incapace. Le Dat saranno vincolanti per il medico curante, salvo che nel frattempo non siano state trovate nuove cure.

Il 14 dicembre 2017, il Senato ha approvato la legge. Segno che alla fine anche in Italia le riforme avvengono.