Pillole di politica estera – settimana XIX

Manifestazioni contro l’apertura dell’ambasciata americana a Gerusalemme

In questi giorni, si stanno moltiplicando gli attriti tra palestinesi e israeliani. Alla manifestazione nella striscia di Gaza, che si dovrebbe terminare il 14 Maggio, si aggiunge l’apertura dell’ambasciata americana a Gerusalemme che getta nuova benzina sul fuoco. Le manifestazioni sono esplose in tutta la Cisgiordania, in mano israeliana dal 1967, causando migliaia di feriti e decine di morti. Al momento solo alcuni paesi, tra cui la repubblica Ceca e l’Austria, hanno confermato la propria presenza all’inaugurazione.

Attentato a Parigi

Tornano il terrore e la morte nelle strade di Parigi. Un uomo solo, gridando «Allah Akbar!» ha inseguito i passanti con un coltello, lungo le stradine attorno all’Opera, fra ristoranti, bar e teatri. L’assalitore che ha ucciso una persona e ferite altre 4, si chiamava Khamzat Azimov ed era nato in Cecenia nel 1997. L’attentato è stato rivendicato dall’ISIS, che ha anche diffuso un video girato dall’attentatore prima di colpire. Identificato poche ore dopo, era sotto sorveglianza perché radicalizzato.

Attacco contro i cristiani in Indonesia

Dieci morti e 41 feriti. Questo il bilancio provvisorio di tre attentati dinamitardi compiuti in altrettante chiese a Surabaya, città portuale dell’Indonesia. A riferirlo la polizia che ritiene che i kamikaze facessero tutti parte della stessa famiglia legata all’Isis. Questo è il primo attacco ai cristiani indonesiani dopo quello del 2016. L’Indonesia, paese a maggioranza mussulmana, ha visto negli ultimi anni uno dei tassi più alti di radicalizzazione e foreign fighters nella regione.

Usa fuori da accordo nucleare

Gli americani, l’8 maggio, hanno ufficializzato la volontà di voler fuoriuscire dall’accordo sul nucleare iraniano. La motivazione principale non va trovata nel mancato rispetto degli accordi da parte dell’Iran. Il paese sciita, secondo gli organismi internazionali, sta rispettando la sua parte dell’accordo cioè quella riguardante l’arricchimento dell’uranio. La causa della fuoriuscita degli Stati Uniti va cercata nelle sanzioni. Secondo Washington, togliere le sanzioni, vorrebbe dire permettere all’Iran di finanziare il terrorismo di matrice islamica e di diventare un pericoloso vicino.

Il riconoscimento di Gerusalemme come capitale d’Israele

Analisi degli ultimi eventi accaduti in Palestina, all’ombra di Trump

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha firmato il 6 Dicembre, l’atto col quale ha disposto il trasferimento dell’ambasciata in Israele da Tel Aviv a Gerusalemme.  Con questa mossa Trump ha riconosciuto ufficialmente la città Santa capitale d’Israele.

La decisione di Trump

The Donald, pare aver deciso unilateralmente di spostare l’ambasciata, andando contro i pareri dei suoi segretari e consiglieri. L’unico a essere favorevole al progetto, è il senior Advisor Jared Kushner, cognato del presidente, la cui famiglia ha legami parentali storici col premier israeliano Benjamin Netanyahu. Se la decisione sembra presa in solitaria, va ricordato che è nelle prerogative presidenziali la possibilità di spostare la sede delle ambasciate. In questo caso, così facendo, il POTUS ha eliminato la sospensione alla legge congressuale del 1995 che riconosceva Gerusalemme capitale d’Israele.

La risposta dei palestinesi

La risposta di Hamas non si è fatta aspettare, poche ore dopo la dichiarazione, hanno avuto inizio i primi disordini che, con il passare dei giorni, si sono trasformati in guerriglia urbana. Gli israeliani non si sono fatti cogliere impreparati, riuscendo ad arginare i manifestanti. Al momento in cui l’articolo è redatto il numero dei feriti, è di almeno 1250 e 4 morti. L’Autorità palestinese, non cela la volontà di chiamare una nuova Intifada, se la situazione non si dovesse stabilizzare.

Il mondo arabo

Da sempre diviso da problemi religiosi e d’influenza, il mondo arabo scopre nella questione palestinese un background comune. Niente unisce gli arabi come gli scontri tra palestinesi e israeliani, anche questa volta, la risposta non si è fatta attendere. Nella riunione del 9 Dicembre a Il Cairo, la Lega Araba oltre a denunciare le prevaricazioni d’Israele, ha richiesto una riunione del consiglio di sicurezza dell’Onu. La riunione verterà sulla decisione dell’America e i paesi della Lega sperano che al momento delle votazioni, l’unico veto sia quello degli Usa. Dimostrando così che la decisione di Trump non è supportata dalla comunità internazionale. Il 13 Dicembre l’Organizzazione della cooperazione islamica (Oic) ha riconosciuto “Gerusalemme est come capitale dello stato di Palestina occupato”.

Sostenitori e Detrattori

Al momento la decisione di The Donald non ha conseguito il successo sperato. Il supporto è, ovviamente, arrivato solo da Israele. L’Europa molto attenta al problema, a causa dell’alto numero di musulmani presenti nel continente, tiene un basso profilo. All’unanimità è stato stabilito il rifiuto della decisione americana, appellandosi alle risoluzioni del consiglio di sicurezza dell’Onu. L’unico paese che esce dal coro è la Francia di Macron, la quale pur condannando la scelta americana tenta di trovare un in Erdogan un mediatore. Il presidente turco, critica duramente la decisione di Trump, nel tentativo di sostituire l’Arabia Saudita nel ruolo di leadership dei paesi Sunniti. Quest’ultima, in questo frangente, mantiene un atteggiamento distaccato.

Le motivazioni degli USA

Gli Stati Uniti, possono aver deciso di muoversi in questo modo, per due ordini di motivi: il più probabile è il tentativo di sbloccare la situazione in cui si trovava la Palestina, toccando uno dei taboo principali. L’altra possibilità, meno credibile, può riguardare la determinazione di Trump di ricondurre il paese nell’isolazionismo. Se il motivo era scongelare la questione palestinese, gli è riuscito, costringendo entrambe le comunità ad aprire un tavolo delle trattative sulla situazione di Gerusalemme. In caso l’obiettivo fosse il disimpegno, la situazione si fa problematica. Se gli USA vogliono mettere da parte i panni del poliziotto, dovranno risolvere i dossier rimasti aperti con metodi tradizionali, altrimenti rischiano di peggiorare, la già instabile, situazione internazionale.