Mancano ancora tre giornate!

Mancano ancora tre giornate e non è finito questo pazzo campionato

E pensare che sembrava tutto finito. Ma la storia di questo campionato ci smentisce ancora una volta, l’ennesima. Mancavano quattro minuti alla fine del match di San Siro. Una Juventus brutta ed irriconoscibile, come mai negli ultimi sette anni, si era fatta rimontare una partita che avrebbe dovuto controllare con facilità, data la superiorità numerica avuta per molto tempo. I bianconeri, come il Napoli contro il Chievo qualche settimana fa, si stavano avviando a lasciare la testa della classifica e ad arrendersi. Buffon impietrito, Barzagli a testa bassa, Allegri furibondo in panchina e l’Inter in dieci che correva al doppio. Inutile nascondersi. Chi assisteva alla partita, ha pensato chiaramente durante tutto il secondo tempo che la Juventus si stesse avvicinando alla fine di un ciclo di vittorie straordinario, magari paragonandola anche al Milan di Allegri di sette anni fa. Quello che crollò proprio contro l’Inter a due giornate dalla fine, incoronando la Juventus di Conte campione d’Italia per la prima volta dopo Calciopoli. E invece, una storia completamente diversa, tutta capovolta. Cuadrado trova il gol con un po’ di fortuna dopo un triangolo con Dybala ed Higuain regala i tre punti alla Signora con un colpo di testa, non proprio la sua specialità. Apoteosi al Meazza. L’Inter vede quasi sfumare il quarto posto, fatto testimoniato dalle lacrime amare di Icardi a fine partita. Il Napoli, dopo aver accarezzato il sogno di poter passare in testa alla classifica, considerato ormai per certo lo stop della Juventus, toppa clamorosamente a Firenze e si ritrova nuovamente a quattro punti dalla vetta. Un crollo nervoso, a detta di Sarri. Una definizione che ci sta tutta.
Sono rimaste tre partite, novanta minuti alla volta da vivere appassionatamente. Chi l’ha detto che le sorprese siano finite? Mancano ancora tre giornate e con questo campionato non si scherza.

La giornata delle reti bianche e del flash juventino

Milan-Napoli

Una partita a reti bianche, non l’unica di questa giornata. Casualità o sintomo del fatto che la palla pesa di più nelle ultime giornate? Più la seconda ipotesi della prima, probabilmente. Quello tra Milan e Napoli è un match equilibrato e abbastanza divertente, anche se non regala nessun gol. Le squadre giocano in maniera simile: costruiscono da dietro senza mai buttare via la palla, pressano e corrono molto. Il Napoli lo fa con più qualità e, a differenza del Milan, è più abituato a cercare costantemente la vittoria. Da sottolineare è una clamorosa parata di Donnarumma che nega la vittoria al Napoli nel finale. È chiaro che Milik, in questo momento, rappresenta una variante molto importante per il Napoli per essere pericoloso in area di rigore. Mertens non è in un periodo fantastico e le altre squadre hanno anche capito come affrontare l’attacco della formazione di Sarri. Uno stop che pesa molto perché il distacco dalla Juventus diventa di sei punti.

Juventus-Sampdoria

Serviva una reazione di rabbia. Ma una rabbia lucida, come l’aveva definita Allegri. Bisognava scaricare tutta la frustrazione che derivava da una delusione ingiusta e non meritata come quella di Madrid. La Juventus ha faticato all’inizio, balbettando a tratti e trovando il vantaggio solo alla fine del primo tempo. Nella ripresa ha dilagato. Una cosa è certa: Douglas Costa è stato il miglior acquisto di quest’anno. Completamente incontenibile, sia quando gioca a destra, sia quando gioca a sinistra. Un giocatore europeo e moderno che spacca le difese. È il migliore in campo, protagonista in tutti e tre i gol della Juventus con tre assist. La Samp ci ha provato, mettendo in campo il suo solito gioco, ma alla fine si è dovuta arrendere, come la gran parte delle squadre che giocano a Torino contro questa Juve. Importantissima vittoria e allungo sul Napoli. Vantaggio prezioso prima di un ciclo finale di partite che non comprende solo lo scontro diretto, ma anche le trasferte contro Inter e Roma.

 

Lazio-Roma

Magari questa volta l’attesa del derby è stata vissuta in maniera diversa dai tifosi della Roma, ancora increduli e meravigliati dell’impresa contro il Barcellona. Ma alla fine un derby è sempre un derby, specialmente a Roma, quando si gioca nella capitale. Anche nel posticipo domenicale, questa si conferma la giornata delle reti bianche. È uno dei più classici Lazio-Roma. Tanta energia, tanti falli fischiati da Mazzoleni e gioco molto spezzettato. Un pareggio piuttosto prevedibile nel quale le emozioni si concentrano soprattutto nel finale, quando la Lazio rimane in dieci per l’espulsione di Radu. Le occasioni più clamorose le hanno i giallorossi, con due pali colpiti. Anche i biancocelesti però ogni tanto si rendono pericolosi, nonostante l’inferiorità numerica. Un risultato nel complesso giusto che tiene ancora molto aperta ed incerta la lotta per il terzo e il quarto posto.

Stop Juve, riavvicinamento del Napoli e vittoria dell’Inter

Stop Juve, riavvicinamento del Napoli e vittoria dell’Inter

Scarica e stanca. Sono questi i due aggettivi più adatti per descrivere la Juventus scesa in campo a Ferrara. La squadra di Allegri manca in energia e velocità. Non riesce mai a cambiare ritmo per trovare uno spunto decisivo ed andare in gol. Quella di sabato sera è stata una prestazione non molto diversa da quella fatta a Roma contro la Lazio. Due settimane fa ci pensò Dybala a togliere le castagne dal fuoco, questa volta, invece, la giocata individuale non è arrivata, né da lui, né da nessuno. Questa partita deve servire come monito alla Juve, perché non si può sempre giocare con pazienza, convinti che il gol prima o poi arrivi, ma a volte serve anche andarsi a prendere le partite con energia. Energia che, dopo un ciclo di partite massacrante, è normale che mancasse. La sosta arriva al momento giusto per ricaricare le pile.
Nell’anticipo di mezzogiorno è finalmente l’Inter di Spalletti che sfodera una grandissima prestazione e torna a vincere in trasferta. Un netto 0-5 con quattro gol di Icardi. D’accordo che la Samp di Giampaolo non è la squadra brillante vista nel girone d’andata, ma una prestazione così ci voleva. Per la squadra, per l’allenatore, per i tifosi e per l’ambiente. Che sia di buon auspicio all’Inter per ritrovarsi, tornare a fare prestazioni come quelle di inizio stagione, ed essere pronta per gli ultimi due mesi di campionato, dove la corsa per il quarto posto sarà molto agguerrita.
Se l’ambiente partenopeo stava cercando un buon motivo per convincersi del fatto che la lotta scudetto non fosse ancora finita, in questa giornata ha trovato subito una risposta. Quando la Juventus pareggia inaspettatamente con la Spal, il Napoli torna a vincere in casa contro un Genoa molto ostico. Sembrava una di quelle classiche partite in cui la palla non vuole proprio entrare, un po’ per sfortuna, come nei due pali colpiti, un po’ per un atteggiamento a tratti troppo frettoloso, testimone della grande voglia che c’era di accorciare sulla Juve. Il vantaggio azzurro arriva soltanto alla mezz’ora della ripresa con un colpo di testa di Albiol che non segnava da due anni. Ormai si è capito, ma era facilmente intuibile anche precedentemente, che il campionato si deciderà soltanto alla fine, nelle ultime giornate. Adesso è tempo di godersi la sosta e tenersi pronti per la volata finale piena di scontri diretti.

Napoli e Juve: che duello!

Napoli e Juve: che duello! Le squadre di Sarri e Allegri stanno illuminando il campionato.

Nelle ultime giornate, con l’inizio del girone di ritorno, si è andata delineando una certezza nell’andamento del campionato per quel che riguarda la lotta scudetto. I cali di rendimento evidenti di Roma, Inter e Lazio hanno lasciato in vetta alla classifica le due vere superpotenze del nostro calcio: Juve e Napoli. Se la caratteristica del girone d’andata era stata quella di avere cinque squadre una vicino all’altra, ora la situazione è decisamente cambiata. Adesso per lo scudetto ci sono soltanto due formazioni, opposte e rivali, a darsi battaglia. Sono Juve e Napoli le protagoniste di un duello spumeggiante, fatto di sorpassi e contro-sorpassi, che molto probabilmente terminerà solo all’ultima giornata e che infiammerà i cuori di tutti gli appassionati. Due pianeti, quelli di Napoli e Juve, talmente opposti per ideologia e modo di vivere il calcio, ma che pur hanno un punto in comune: girano intorno alla stessa orbita, quella dello scudetto. Quel tricolore che così intensamente affascina il cuore del popolo partenopeo, a dir poco voglioso di riportarlo sotto il Vesuvio, è lo stesso che la Juve insegue con la solita ferocia, per continuare a scrivere la storia conquistando il settimo scudetto consecutivo, questa volta ancor più motivata da un rivale che riesce a tenere il suo passo. Due squadre diverse, due città agli antipodi, due allenatori toscani e completamente differenti. Sarri e Allegri saranno uno di fronte all’altro il 22 aprile a Torino, in occasione dello scontro diretto all’Allianz Stadium (orario e possibile anticipo ancora da definire). Lì potranno stringersi la mano e mostrare a tutti il loro diverso modo di far giocare le proprie squadre, anche se il campionato molto probabilmente non si chiuderà quel giorno. Nel frattempo, l’obiettivo per entrambi è quello di non lasciare punti per strada. Il finale di stagione si sta avvicinando, stiamo entrando nel vivo. C’è una battaglia tutta da gustare. Il fissismo di Sarri, che non cambia quasi mai uomini, contro l’eclettismo di Allegri, che invece la formazione la cambia quasi sempre. Gli opposti che si attraggono in un luogo che ha spazio per uno soltanto. Quel posto che la Juve ha raggiunto tante volte e che a Napoli ancora non si deve nominare…

Inter, Juve e Napoli: tris in vetta

Dopo l’Europa gol e vittorie, Inter Juve e Napoli in vetta alla classifica

Le big italiane tornano alla vittoria in seguito alle cattive prestazioni Europee. Tanti gol segnati e tris di squadre in vetta a punteggio pieno.
Crotone – Inter: quella di Crotone è la versione meno bella dell’Inter di quest’anno. Per tutto il primo tempo i nerazzurri non riescono mai a proporre buone trame di gioco. Manovra poco fluida e poche occasione create. Il Crotone ci mette cuore e grinta e si rende molto più pericoloso dell’Inter per buona parte della gara. Esemplare il miracolo di Handanovic su Rohden al 67′. Nel finale è però l’Inter a sbloccare la partita con un gol strano e fortunoso di Skriniar. Come la settimana scorsa, Perisic al 92′ chiude i conti. Gara sofferta, importante la vittoria per il primato in classifica, ma sicuramente un passo indietro a livello di gioco e prestazione per la squadra di Spalletti.
Roma – Hellas Verona: buona la prova della Roma sotto la pioggia dell’Olimpico. Tre punti che fanno comodo, anche perché i giallorossi hanno da recuperare una partita. Torna titolare Florenzi, dopo la doppia rottura del crociato. Alla mezz’ora del primo tempo la Roma è già in vantaggio di due reti, con Nainggolan e Dzeko. Il bosniaco realizza una doppietta andando in gol anche nella ripresa. Verona che chiude in dieci e che non entra mai praticamente in partita.
Sassuolo – Juventus: La squadra di Allegri riparte dopo la batosta di Barcellona nel segno di Dybala. Un nome, un numero, ovviamente il dieci, un uomo solo al comando. Da quando ha cambiato maglia, i numeri dell’argentino sono surreali. Otto gol in quattro partite, due triplette in due trasferte. Il suo sinistro disegna traiettorie paradisiache. Tiro a giro da fuori aria, colpo da calcio a cinque in mezzo a sei persone e palla all’angolino su punizione. La Juve gioca bene nel complesso, tranne qualche momento in cui cala la concentrazione, come nel caso del gol del momentaneo 1-2 di Politano. Funziona il centrocampo con Pjanic e Matuidi.
Napoli – Benevento: C’è veramente poco da commentare e dire su questa partita. Il Napoli archivia la pratica già alla mezz’ora del primo tempo, essendosi portato in vantaggio per 4-0. Solito gioco spumeggiante dei partenopei in casa. Possesso palla ubriacante, gioco di prima, tanti tiri, gol e divertimento. Sblocca Allan al 3′, tripletta di Mertens, grande gol di Insigne e si aggiunge anche Callejon. Un giusto modo per dimenticare la sconfitta in Champions. Le prime quattro giornate dicono che, per il momento, lo scudetto è una lotta fra Napoli e Juventus, anche se l’Inter non ne vuole assolutamente sapere di cedere il passo.
Milan – Udinese: Il Milan torna alla vittoria davanti al suo pubblico, riscattando la figuraccia della scorsa settimana contro la Lazio. Montella ripropone il 3-5-2 testato in Europa League. Il VAR annulla un gol per parte negando il vantaggio all’Udinese sullo 0-0 e la tripletta a Kalinic nel finale. Succede tutto nel primo tempo. Nel giro di dieci minuti Kalinic la sblocca su assist di Calabria, Lasagna pareggia con una bella rete di sinistro e Kalinic riporta in vantaggio il Milan al 31′. Nel secondo tempo la partita è aperta fino all’ultimo, perchè la squadra di Delneri attacca nel tentativo di acciuffare il pareggio.
Martedì e mercoledì si torna in campo per il turno infrasettimanale. Inter e Roma impegnate fuori casa, rispettivamente a Bologna e Benevento. La Lazio ospiterà il Napoli, la Juventus la Fiorentina. Milan di scena contro la Spal, di nuovo in casa.