Chi mi ama (invidia), mi segua.

AAA cercasi lavoro ben retribuito.                                 Tra sogni e like: il mercato dei social alla fiera dell’est.

E infine il Signore, sull’angelo della morte, sul macellaio
Che uccise il toro, che bevve l’acqua, che spense il fuoco
Che bruciò il bastone, che picchiò il cane, che morse il gatto
Che si mangiò il topo che al mercato mio padre comprò”

Si canta da bambini, la si dimentica da giovani, ma certe canzoni, come i grandi amori
fanno giri immensi
e poi ritornano.
Il Branduardi è tornato sul pezzo, sulla colonna sonora della mia vita per caso: un must della mia infanzia a rispondere ai miei “perché” della giovinezza.
Da piccola volevo essere una regina perché, chiaro, una regina è più importante di una principessa.
Alla fiera dell’est volevo essere il Signore perché , chiaro, è lui la star della fiera.
E adesso?
Vorrei diventare qualcuno di importante, qualcuno che lasci il segno.
Ho pensato di diventare medico. Studio tutta l’estate per il test, se sono fortunata lo passo. Sei anni di studio matto e disperatissimo, tirocinio e bla bla bla… Per fare il lavoro più bello del mondo:
far nascere, salvare, curare vite!
Statistica MEF ricavata dagli studi di settore del 2015. Stipendio medio di un medico : 2000 / 3000 euro mensili. 4500 euro se primario.
Sono una ragazzo fortunato perché mi hanno regalato un sogno,
sono fortunato…

Ma mi sa che lo cambio!
Ho pensato di diventare insegnante.
Non farò nascere bambini, ma coltivo idee, alimento passioni, educo una nazione!
Che onere e che onore! Un lavoro di tutto rispetto!
Si, d’accordo ma poi… Dopo 35 anni di servizio riuscirò a guadagnare circa 2742 euro mensili.
Un numero nettamente inferiore al numero di ragazzi che ho conosciuto, alle ore passate a scuola, alla somma di tutti i voti che ho messo!
Non si sceglie il lavoro per i soldi. Si fa per passione.
E la passione si sa, costa fatica.
Una fatica che poi regalerà tante soddisfazioni e ci farà acquisire uno status:
il miracolo degli ospedali, la regina del teorema di Pitagora!
Chi bella vuol apparire un poco deve soffrire.

Medici e insegnanti lo sanno bene quando guardano i risultati proposti dal Daily Telegraph riguardo gli stipendi degli influencer più quotati:
La regina è Huda Kattan con ben 18000 dollari per post.
Poi c’è il Signore Cameron Dallas con niente meno che 17000 dollari per post.
La principessa di “The Blonde Salad” non è nella top ten, 12000 dollari per post… Ahi ahi!
I dati sugli stipendi degli influencer sono da capogiro.
Quelli di medici e insegnanti da voltastomaco.
Sia la testa che lo stomaco si curano con il medico, però!
Ognuno ha ciò che si merita.
Siamo noi a decidere i “re e le regine”della nostra società.
Pensiamoci.
Quando mettiamo un like, seguiamo qualcuno di importante stiamo legittimando un modello di società dove non si è re perché si cura un cancro, si è re perché si hanno tanti “mi piace”.
…. I “mi piace” vengono dalla pancia, ma il mal di pancia non si cura con la Ferragni.
Il modello a rete, dei social, sembra quasi un modello “flat,”piano. Apparentemente siamo nello stesso piano dell’inventore… liberi di “likare” a destra e a manca .
Un modello totalmente altro rispetto al modello tradizionale gerarchico dove si entra per gradi: più si sale di grado, più  si acquisisce potere: non si è bravi chirurghi dall’oggi al domani! Nel meccanismo dei social, in una struttura a rete non conta più chi è sopra e chi è sotto. Non si riconosce più uno “status”.
In un modello non gerarchico, posso parlare di diritti?

È Paolo Sommaggio,  professore associato della facoltà di giurisprudenza dell’università degli studi di Trento ad approfondire questo tema.

“Mentre in una struttura gerarchica la società mi riconosce uno status a cui si ricollegano una serie di prerogative. In una network society cos’ho?
Qual è la misura della mia importanza?
Non vi è più una relazione tra sopra e sotto, non è uno status, ma un “moto”.
Più relazioni ho, più mi caratterizzo in un determinato modo, più sono importante.
A seconda del numero di relazioni, della frequenza, dell’aumentare di numeri di followers si diventa più importante di un altro. Non vi è più una valutazione gerarchica, è solo il numero (quantificazione spicciola) a determinare l’importanza.
Non è più il posizionamento in una scala.
Sono importante perché piaccio, perché sono di moda, perché faccio tendenza!”.
Qual è il merito di un soggetto che non ha alcun merito?
Il merito è quello di “essere seguito”.
Sta sulla capacità di attrarre e far seguire.
Tu chiamale se vuoi, emozioni.

Il ritorno della serie televisiva “Black Mirror”

Manca poco al ritorno di Black Mirror con la quarta stagione!

Secondo le indiscrezioni la serie dovrebbe andare in onda nel mese di dicembre ed è formata da sei episodi proprio come la stagione precedente. In produzione dal 2011, Black Mirror è una serie televisiva antologica, ovvero è una serie fiction in cui ogni episodio è composto da personaggi e scenari diversi. Il titolo prende il nome dagli schermi televisivi, degli smartphone, in pratica ogni genere di monitor e vuole essere una critica alla tecnologia.

Qual è la tematica principale?

Il filo conduttore di Black Mirror è la tecnologia e gli effetti che questa ha. Ogni puntata mostra come una nuova invenzione o semplicemente il progredire delle tecnologie che già conosciamo possano portare effetti collaterali e destabilizzare una società. Si immagina quindi un futuro, neanche troppo distopico, in cui si ha un chip per la memoria che ti permette di rivedere i ricordi in qualsiasi momento. Oppure si immagina una persona ossessionata da una votazione da uno a cinque che le viene affibbiata e come la sua vita dipenda da questo (evidente satira nei confronti dei social). Ogni episodio ha qualcosa da raccontare e obbliga lo spettatore a una profonda riflessione sulla piega che potrebbe prendere la società contemporanea con i suoi infiniti progressi. È sempre un bene la tecnologia? Quanto siamo assuefatti ad essa? Se esistesse un paradiso virtuale?

Black Mirror analizza questo aspetto del progresso e immagina come potrebbe essere una popolazione che ormai è dipendente dal così detto “schermo nero”, da questi monitor che monitorizzano ogni aspetto della vita. Una ragazza a cui è morto il fidanzato potrebbe chiedere una copia esatta del suo amato defunto; un hacker potrebbe rubarti i tuoi video più intimi e segreti; la morte potrebbe essere superata da una vita eterna virtuale. C’è il dramma, c’è la fantasia, c’è la distopia, la satira, il thriller. Black Mirror è un concentrato di idee.

«The future is bright»

Da pochi giorni sono usciti i trailer di alcuni degli episodi della quarta stagione e tra i vari argomenti spicca il rapporto genitori/figli e come i primi diventino ossessivi nei confronti dei secondi. Torna anche la tematica dei ricordi e come questi vengano registrati non ammettendo più nessun segreto. Alla regia figura tra i nomi Jodie Foster, due volte premio Oscar, e tra gli attori ci sono volti conosciuti in altre serie televisive e film. La serie targata Netflix e creata da Charlie Brooker ha tutte le carte per essere spettacolare, continuare ad appassionare i suoi spettatori e, diciamolo, anche per spaventare un po’.

Viaggio in rete

Come è cambiata la comunicazione da ieri ad oggi

Viaggio in macchina, con la radio accesa, autostrada vuota alle due di notte, cintura allacciata e andatura media. Intorno le luci e qualche animale che si rincorre. Apparentemente un percorso tranquillo: rispettando le norme, i segnali, la buona condotta. A volte però ci sono viaggi che possono sembrare tutto fuorché pericolosi: questi sono i viaggi nella rete Internet.

Nell’era dello smartphone, del Mac, di Netflix, della tecnologia avanzata, tutto può sembrare così utile, così pratico, così facile, così accessibile, così bello. E lo è. Perché la tecnologia serve proprio a questo. Ma c’è anche un aspetto che i più non considerano: è anche molto pericolosa.

Mio padre mi raccontava di quando partiva con la sua auto e nel sedile del passeggero c’era sempre la sua cartina con segnati tutti i percorsi, e che doveva fermarsi a controllare e poi eventualmente scendere a chiedere alla gente per non perdersi. Ora noi impostiamo la rotta in un navigatore, o direttamente sul cellulare, e abbiamo tutto pronto. Ci viene segnalato il percorso più rapido, il percorso più breve, il percorso con i pedaggi e il tempo stimato. Prima si chiedeva aiuto a voce, si comunicava; ora si parla con uno schermo. Non ci sono più sguardi diretti, due occhi che si scambiano informazioni. Ora si preferisce mettere tra sé e l’altro una barriera. Tutto questo può sembrare anche meno nocivo, meno invadente, più sicuro… ma non sempre è così. La tecnologia è un’arma a doppio taglio: non hai davanti quello sguardo diretto, hai davanti uno schermo e dietro quello schermo non sai mai cosa si cela.

Molte truffe avvengono così. Uomini che, attraverso dei social network, giocano con i sentimenti di altre persone, con la loro bontà, la loro buona fede, la loro ingenuità e a volte il loro passato triste. Le attirano nella loro trappola ed estorcono loro più denaro possibile. A volte capita molto peggio: molestatori, se non addirittura stupratori, adescano ragazzini rendendoli loro vittime. Uomini e donne si sono anche tolti la vita perché nella rete era finito qualcosa di loro che non doveva essere pubblicato. Chi è senza scrupoli può fare di Internet un’arma micidiale, un’arma in grado di diffondere panico, virus e anche bullismo. Una delle ultime novità è proprio il cyberbullismo, che a differenza del bullismo tradizionale, vede messa in gioco la rete virtuale attraverso la quale il “bullo” prende di mira e attacca un’altra persona.

Ci sono inoltre molti hacker, in grado di rubare foto, dati personali, in grado di danneggiare persone individuali o talvolta aziende enormi. Rubano immagini private di vip, serie televisive che stanno per uscire alle compagnie e informazioni riservate alle ditte. Chiedono poi riscatti milionari e se non li ottengono mettono in circolazione online tutto quanto. Nella rete ci sono adescatori di tutti i tipi: da chi vuole soddisfare le proprie perversioni, a chi ingaggia qualcuno per comprare armi o commettere un omicidio, ai gruppi terroristici. I bambini andrebbero messi in guardia da tutto questo, da tutti i pericoli della rete Internet. Andrebbero protetti e tutelati. Invece sempre più si vedono bambini con in mano tablet, telefoni, computer e che navigano online.

La tecnologia è eccezionale e straordinaria ma va usata in maniera controllata.

ECOSIA | Come combattere i cambiamenti climatici navigando su Internet

Crescita, sviluppo e tutela dell’ecosistema. Ecosia ha la ricetta giusta.

Fondato nel 2009 da Christian Kroll, Ecosia è un motore di ricerca che si propone ormai da diversi anni come alternativa ai motori di ricerca più utilizzati, Google su tutti.

Cos’ha di speciale?

Ecosia è un motore di ricerca così detto “eco-friendly”, riesce infatti a coniugare la necessità dell’utente di avere delle risposte alle domande poste giornalmente al suo motore di ricerca predefinito, con l’urgenza di combattere i cambiamenti climatici e il disboscamento, fenomeni che incidono fortemente sul nostro eco-sistema.

Come?

Ecosia dona l’80% dei suoi profitti a progetti di riforestazione in tutto il mondo. Questo, dal 2009 a oggi ha portato Ecosia a piantare più di 9 milioni di alberi, sfruttando la sente di conoscenza dei suoi utenti che, mediamente, piantano un albero ogni 10 secondi, cliccando sui risultati di ricerca pubblicizzati.

Quali sono i benefici?

Quella che “i soldi non crescono sugli alberi”, fino ad oggi, è stata nel sentire comune la più assodata delle ovvietà. Non è così però per Ecosia e per le comunità in cui il motore di ricerca “green” ha concentrato i suoi sforzi. Madagascar, Tanzania, Perù, Nicaragua, Indonesia e Burkina Faso sono i paesi che hanno beneficiato direttamente dell’attività di riforestazione.

Maggiore biodiversità ed efficienza idrica, suoli più fertili e protetti e autonomia economica, senza contare l’enorme impatto che un albero ha nella battaglia contro la desertificazione e i cambiamenti climatici agendo proprio contro quel cancro che è il Co2.

L’obbiettivo di Ecosia, come social business, è quello di “coltivare concretamente un mondo più sostenibile dal punto di vista ambientale, sociale ed economico”, piantando un miliardo di nuovi alberi entro il 2020: navigando su Internet.