Diana

Violenza sulle donne

Esistono silenzi che parlano più di un logorroico. Sono questi, i silenzi di chi da dire avrebbe troppo, ma, non può, perché bloccate dalla paura, quella stessa paura che, con il trascorrere del tempo, provoca la morte di moltissime donne che subiscono violenza dai loro mariti o fidanzati. Alcuni sondaggi rivelano che ogni due giorni muoia una donna, quindi, quanto appena espresso dovrebbe farci pensare che tale fenomeno sia inammissibile, perché la vita costituisce il dono più prezioso che abbiamo e, non è affatto giusto perderla a causa della follia di uomini, i quali, non meriterebbero neanche di essere definiti tali, visto il loro comportamento spregevole. E’ risaputo che tali uomini non si possano evitare o cambiare, perché esisteranno sempre e, una persona nata rotonda, non la si può far morire quadrata, però quanto appena espresso non deve essere un modo per farci restare fermi a guardare, anzi ,deve essere un modo per spronarci a scendere in campo per lottare e contrastare tale fenomeno. In che modo? Parlandone, offrendo il proprio aiuto. Bisogna scendere in campo personalmente per condurre battaglie contro la violenza sulle donne e l’ intento deve essere quello di far capire a tutte le donne che soffrire non sia sinonimo di amore, che chiunque picchi non ami, perché amare significa sorridere, non soffrire. È necessario far capire loro che tale fenomeno vada denunciato, che occorra andare oltre la paura e perché il silenzio può far male anche più della violenza stessa, bisogna far capire loro che non siano sole e oltre il baratro in cui sono finite ci sia uno spiraglio di luce, una mano pronta a riportarle in vita. Dobbiamo scendere in campo e far sentire la nostra voce, con il proposito di far capire a tutte coloro le quali siano vittime di violenza, che il corpo di una donna sia un’ opera d’ arte e, come tale debba essere trattato.

UN UOMO VIOLENTO, PUO’ MAI SMETTERE DI ESSERLO?

Quante donne si sono poste questa domanda non lo si potrà mai sapere, una cosa è, però, certa: ovvero il fatto che la stragrande maggioranza di queste ultime abbia pensato che la risposta giusta sia stata quella secondo la quale, un uomo violento, possa smettere di esserlo da un momento all’ altro. E’ evidente che tale modo di pensare sia a dir poco sbagliato, percheé, come recita un noto proverbio: “chiunque nasca rotondo, non è possibile che muoia quadrato.” Tramite queste parole, l’ intenzione è quella di far capire che la violenza non sia direttamente proporzionale alla bontà ,all’ amore soprattutto, perché se una persona picchia non è capace di amare. Se questo fosse il suo modo di amarmi? Quante volte abbiamo sentito queste parole? Troppe. Ebbene si, proprio a causa di questa domanda che troppo spesso ha popolato la mente di donne vittime di un amore che credevano fosse pulito nel suo essere cosi sporco, le vittime crescono di giorno in giorno. Dunque, è giunto il momento di far sentire la nostra voce e dire basta ad un avvenimento inammissibile. Come? Cercando quella forza che è qualità intrinseca in tutti noi e denunciando ponendo da parte la paura. La vita è un bene prezioso e, non è affatto il caso di porla nelle mani di persone che non sanno prendersene cura. Sarebbe, inoltre, opportuno conferire maggiore sicurezza a queste ultime, ponendo al loro servizio strutture entro le quali possano ricevere supporti di ogni tipo, psicologico in particolare, perciò, sarebbe una cosa buona aumentarne le misure di sicurezza tramite campagne di sensibilizzazione all’ interno delle scuole, dove è possibile educare i bambini sin dalla più tenera età.

Dopo il “Rosatellum”, ecco il “Tedescum”!

Lo stallo sulla legge elettorale sembra aver trovato un punto di sblocco

Dopo mesi di febbrile attesa sembra finalmente giunto il momento che tutti gli italiani (o quasi) stavano aspettando: dopo la bocciatura del famigerato “Rosatellum” è stato in settimana depositato il nuovo progetto di legge elettorale, latinizzato in “Tedescum”, la cui votazione alle Camere sembra sia stata fissata per il 7 luglio. Dopo un il raggiungimento di un accordo fra PD, Movimento 5 Stelle e Forza Italia si è optato per una soluzione ispirata la modello elettorale tedesco, da qui l’appellativo teutonico.Il modello tedesco prevede che l’elettore esprima due voti: il primo elegge un candidato scelto in un collegio uninominale, di modo che il candidato che abbia ricevuto più voti possa sicuramente avere un posto riservato (un modo, si spera, per ridurre la distanza che divide il cittadino con i suoi rappresentanti eletti); con il secondo voto invece, l’elettore individua il partito preferito, in un sistema di liste bloccate, così poi da permettere una redistribuzione proporzionale dei seggi.

Come si è giustamente osservato però, la soluzione che si è adottata non convince tutti fino in fondo. Per prima cosa bisogna considerare che, come per il sistema elettorale tedesco, è prevista una soglia di sbarramento del 5% che ha messo in allarme i partiti più piccoli, in primis Area Popolare di Angelino Alfano. Ci sono state scintille fra il Segretario del PD Matteo Renzi e il Ministro degli Esteri Alfano, il quale teme fortemente che il suo partito, non riuscendo a superare la soglia di sbarramento, rimanga fuori dai giochi.Ma dopotutto lo stesso Matteo Renzi non si è detto entusiasta di questo sistema, che costringerebbe molto probabilmente a scomode alleanze post-voto anche i partiti più importanti del nostro panorama politico. Andrea Orlando, il principale avversario di Matteo Renzi alle ultime primarie del PD, ha addirittura sostenuto che questo sistema, e in particolare la soglia di sbarramento, potrebbero “mettere un tratto definitivo sul centro-sinistra”, arrivando perfino a proporre un referendum interno al partito per decidere le eventuali future alleanze.

Vi sono tuttavia, fra il sistema tedesco e questa sorta di ibrido nostrano, notevoli differenze: poiché il nostro sistema prevede un numero fisso di parlamentari, coloro che verranno eletti nei collegi uninominali verranno scalati dalle liste bloccate in maniera proporzionale. Ma soprattutto, molto probabilmente, non sarà possibile il voto disgiunto fra il candidato prescelto dall’elettore nei collegi uninominali e le liste bloccate individuate dal secondo voto. Queste significative “correzioni” hanno fatto a molti ritenere che l’effettiva somiglianza con il modello tedesco sia ben poca. L’ex Presidente del Consiglio Enrico Letta, intervistato dai giornalisti al Festival dell’Economia di Trento, ha pronunciato parole pesanti nei confronti di questa ultima legislatura, sostenendo che “[…] con questa legge elettorale è peggio che nella prima Repubblica”: l’eccessiva velocità con cui si sta passando dalla proposizione al voto, sostiene l’ex Presidente, non permette che essa sia valutata con la dovuta ponderazione, ed aggiunge che il sistema delle liste bloccate può perfino essere considerato un passo indietro rispetto alla prima Repubblica, dove almeno al cittadino era concesso di scegliere i propri parlamentari.

Uefa Champions League, la finale

3 giugno 2017: appuntamento con la storia

Era il 6 giugno del 2015 quando La Juventus, dopo dodici anni, tornava a giocarsi una finale di Champions League. In questo arco di tempo, però, qualcosa era successo: lo scandalo di Calciopoli, un mondiale vinto, la retrocessione in Serie B, due settimi posti consecutivi, l’addio di Del Piero, il ritorno alla vittoria in Italia con l’avvento di Conte in panchina… A detta di molti, quella partita con il Barcellona avrebbe dovuto rappresentare il ritorno dei bianconeri sul tetto d’Europa, il coronamento di una rinascita iniziata nell’estate del 2006, l’anello di giuntura di un catena molto lunga. Quella sera Gianluigi Buffon avrebbe dovuto giocarsi l’ultima occasione di alzare la coppa con le grandi orecchie (unico titolo prestigioso mancante sul palmarès del portierone azzurro) per portare a compimento una carriera stellare. Sembrava fosse destino anche per tutti i romantici sportivi, visto che si giocava all’Olympiastadion di Berlino, teatro della finale del Mondiale 2006. Diciamo la verità, più o meno tutti abbiamo pensato che quel ”da Berlino alla B e dalla  B a Berlino” fosse la chiara testimonianza del disegno divino che avrebbe dovuto accompagnare la Juventus ad un trionfo indimenticabile. Eppure quel 6 giugno 2015 non andò così, perchè il paradosso dello sport, da sempre metafora della vita, è che quanto più tendiamo a dare un risultato per scontato, tanto più questo ci sorprende, divicolandosi dalle nostre superflue previsioni, dai romanticismi e dai destini segnati. Un Barcellona troppo forte si impose per 3 a 1, portandosi a casa l’ennesimo trofeo. Chi di noi, dopo quella volta, si sarebbe mai aspettato di rivedere il numero 1 della Juve a difendere la porta in un’altra finale, all’età di 39 anni? La vita è sempre piena di sorprese.
La situazione è molto diversa rispetto a quella di due anni fa e questa sì che potrebbe essere davvero l’ultima chiamata per Gigi Buffon. Dall’altra parte ci sarà da battagliare contro il solito Real Madrid, undici volte campione d’Europa e pieno zeppo di campioni. Cristiano Ronaldo e compagni non vogliono certo fermarsi qui; il portoghese, nonostante abbia segnato 25 gol in Liga e 10 in Champions, è stato criticato per essere un po’ sotto la media abituale di reti in stagione (se vi viene da ridere, è normale). Doppietta contro il Bayern all’andata, tripletta nella partita di ritorno e nuovamente una tripletta in semifinale contro l’Atletico. Roba da non credere. Probabilmente, quando CR7 e Messi si ritireranno, prenderemo coscienza di che fortuna abbiamo avuto nel vederli sfidarsi come rivali nello stesso campionato, entrambi all’apice della carriera.
La città di Cardiff ha vissuto, e sta ancora vivendo, una delle settimane più cariche ed intense della sua storia, la quale culminerà con l’assegnazione del massimo titolo europeo per le squadre di club. Non resta che scaldare i motori, ammazzare il tempo in attesa del fischio d’inizio, previsto per le 20:45 di domani sera, ascoltare quella famosa musichetta che mette sempre i brividi e godersi una finale mozzafiato, un evento mondiale tra due dei club più importanti della storia del calcio. Il Real può alzare per due volte consecutive la Champions, impresa ancora non riuscita a nessuno, e la Juve ha la possibilità di riportare sotto la Mole una coppa che manca da troppo tempo. Comunque vada, sarà emozionante.
”Millennium Stadium” è un nome che sa di storia, quella che bisogna scrivere. Saranno 74.500 i cuori roventi e impavidi, pronti a battere tutti insieme per realizzare un sogno, nella notte delle stelle, sotto il cielo gallese di Cardiff. Ci siamo, manca poco!

RUSSIAGATE | Per Donald Trump un giro senza fine sulle montagne russe

Maggio è stato un mese di fuoco sul fronte interno per Donald Trump, con i media statunitensi nuovamente scatenati all’attacco nella questione Russiagate. La situazione è più confusa che mai, il clamore mediatico intorno alla vicenda è enorme e da più parti si grida all’impeachment del presidente. Ma prima facciamo un po’ di chiarezza.

Che cosa significa Russiagate? Con questa espressione (che ricorda il Watergate, ossia lo scandalo che nel 1974 portò alle dimissioni di Richard Nixon dalla presidenza degli Stati Uniti) ci si riferisce allo scandalo relativo alle sospette interferenze della Russia nelle elezioni americane e alla presunta collusione di esponenti della campagna elettorale di Trump con il governo russo. Anche se non risultano prove verificate che confermino ciò, la vicenda ha avuto enorme risonanza ed è uno dei principali cavalli di battaglia dell’opposizione al presidente. Stanno investigando sulla vicenda l’FBI, le commissioni di intelligence del Congresso e il Dipartimento di Giustizia (il cui operato è supervisionato dal procuratore speciale Robert Mueller). Le indagini furono avviate segretamente dall’allora direttore dell’FBI James Comey nel luglio del 2016 e furono successivamente rese note da Comey stesso il 20 marzo del 2017.

È importante sottolineare che, dalle (poche) informazioni note, le indagini non riguardano direttamente la persona di Trump, ma hanno coinvolto membri della sua squadra, in primis Michael Flynn.

Costui, ex generale, fu nominato consigliere per la sicurezza nazionale ma dovette dare le dimissioni già il 14 febbraio, solo 24 giorni dopo essere entrato in carica. Il motivo delle dimissioni fu il fatto di aver comunicato “al vice presidente eletto e ad altri informazioni incomplete sulle telefonate con l’ambasciatore russo”, con il quale, secondo le accuse, avrebbe discusso telefonicamente delle sanzioni applicate dall’amministrazione Obama alla Russia. Michael Flynn era già stato messo in bilico dalle notizie riguardanti suoi contatti con funzionari russi e ora è stato convocato dal Senato per chiarire i suoi rapporti con il Cremlino. È del 23 maggio però la notizia che Flynn si è avvalso del Quinto Emendamento per rifiutarsi di presentare al Senato i documenti relativi ai rapporti con i russi, notizia che di certo non ha calmato le acque.

Il 9 maggio accade un altro evento importante: il direttore dell’FBI James Comey, responsabile delle indagini sul Russiagate, viene licenziato da Trump dopo che sul tavolo del presidente è arrivata una lettera in tal senso da parte del Vice Ministro della Giustizia Rod Rosenstein, che sottolinea l’inadeguatezza di Comey. La motivazione inizialmente addotta da Trump per il licenziamento è il modo in cui Comey ha gestito le informazioni sul caso delle email di Hillary Clinton (il cosiddetto mailgate dell’anno scorso). La Casa Bianca nega subito qualsiasi relazione fra il licenziamento di Comey e l’affare Russiagate, anche se nei giorni successivi all’accaduto Trump ammette di aver considerato anche l’affare russo nella sua decisione e ciò scatena da parte dei democratici accuse di interferenza nelle indagini.

L’ex direttore dell’FBI James Comey, licenziato da Trump il 9 maggio

Nuove accuse di relazioni pericolose coi russi vengono fatte dal Washington Post, il quale afferma che Jared Kushner, genero di Trump e suo importante consigliere, avrebbe proposto una linea di contatto segreta con la Russia in un incontro di dicembre. Sempre il Washington Post afferma che un alto funzionario USA è persona d’interesse nelle indagini FBI sul Russiagate (notizia del 19 maggio) e secondo alcuni si tratterebbe ancora di Kushner, il quale non sarebbe indagato, ma semplicemente sotto controllo. Nonostante l’accusa non sia stata verificata la notizia ha messo sotto pressione ancor maggiore l’amministrazione Trump. Tuttavia l’FBI non ha mai detto esplicitamente che Kushner è un obiettivo delle indagini e inoltre Kushner stesso si è proposto volontario per testimoniare di fronte alle commissioni del congresso.

Un altro evento che scatena clamore mediatico è l’incontro diplomatico fra Trump, alcuni suoi collaboratori, l’ambasciatore russo Kislyak e il ministro degli esteri russo Lavrov nello studio ovale il 10 maggio. In questo incontro Trump condivide delle informazioni su terrorismo e sicurezza aerea (come è in suo pieno potere fare), confermando una linea collaborativa in politica estera con il governo russo. Ma una fuga di notizie scatena la bufera. Il Washington Post accusa Trump di aver condiviso con i russi in questo incontro informazioni classificate e di aver messo a rischio le fonti e il partner che le aveva fornite (secondo il Post un Paese del Medio Oriente). La Casa Bianca risponde che non sono state condivise né fonti, né metodi di raccolta dell’intelligence, né operazioni militari che non fossero già pubbliche, definendo “pienamente appropriato” l’agire del presidente. Infatti il presidente ha ampio potere di declassificare informazioni segrete e quindi la sua azione non sembra essere illegale. Il senso delle accuse è dunque che Trump avrebbe violato l’etichetta dello spionaggio (condividendo con la Russia intelligence fornita da un Paese terzo) e soprattutto avrebbe fatto una mossa incauta verso la Russia, che da molti è vista non come un alleato contro il terrorismo ma come un rivale con cui collaborare il meno possibile. Tale avvenimento, anche se non ha nulla a che fare con le indagini, è stato assorbito ben presto dal clamore mediatico intorno al Russiagate e ha messo ancora più sotto pressione l’amministrazione. Il 17 maggio Putin ha offerto la trascrizione dell’incontro e ora si attendono ulteriori sviluppi.

Il ministro degli Esteri russo Lavrov e Donald Trump

Dall’atmosfera che si respira e soprattutto da quest’ultimo episodio appare come ormai la pressione mediatica sulla questione Russiagate (e più in generale sui rapporti con la Russia) sia altissima. Tuttavia a un occhio attento non sfugge il fatto che ormai tale pressione è intrecciata in parte a motivi politici, che hanno a che fare sia con il tentativo di destabilizzare l’amministrazione corrente e agitare lo spettro dell’impeachment, sia con l’ostilità verso la Russia di alcuni settori politici americani (democratici e repubblicani neocon), settori che non vedono di buon occhio il riavvicinamento alla Russia voluto da Trump. La loro ostilità è ben espressa dalle recenti dichiarazioni del senatore repubblicano John McCain, secondo il quale “Putin è la minaccia più grande, più ancora dell’Isis”.

In realtà allo stato attuale dei fatti le indagini sul Russiagate sono ancora in pieno sviluppo e non sono giunte ad alcuna conclusione certa. Non risultano prove verificate che dimostrino che azioni russe d’interferenza nel processo elettorale erano coordinate con consiglieri della campagna di Trump. Solo con lo sviluppo delle indagini sapremo quanto c’è di vero nelle accuse del Russiagate e se un eventuale procedimento di impeachment sarà giustificato. E ci vorrà del tempo.

Incontro Trump e Papa

Melania Trump in viaggio con stile

In valigia il glamour da 40 mila dollari.

Qualche giorno fa si è concluso il primo viaggio all’estero del presidente degli U.S.A Donald Trump e della First Lady Melania che li ha visti in visita in Arabia Saudita, Israele, Vaticano, Roma e Bruxelles.Viaggio che sicuramente non cadrà nel dimenticatoio, sia per le importanti tappe che sono state fatte, sia per le polemiche ed i “meme” che riecheggiano sul web, ma anche per gli impeccabili look sfoggiati dalla signora Trump. D’accordo o meno con la linea di pensiero dei due personaggi in questione,una cosa bisogna dirla l’ex modella Melania è stata capace di calamitare l’attenzione dei media su di sé.A tratti una sfinge, a tratti espressiva, comunque sempre molto “trendy”, con un guardaroba che ha spaziato da Michael Kors a Dolce & Gabbana. A Riad l’abbiamo vista scendere dall’Air Force One indossando una jumpsuit nera morbida. Con essa coperta in ogni centimetro di pelle ma in ogni caso “glamour” grazie ad un cinturone oro in vita, che le è valsa l’ammirazione di tutti i presenti. Al Vaticano ha rispettato le tradizioni, seppur trasmettendo un senso di eccessivo rigore, con veletta e tubino nero in pizzo ma anche in questo caso senza rinunciare alla più classica forma di femminilità , tacchi a spillo per slanciare la figura. Tra i tanti il capo più discusso è stato senza alcun dubbio lo spolverino a fiori “3D”, tripudio di colori, da cinquanta mila dollari sfoggiato per la visita a Palazzo Chierici di Catania.

Un omaggio allo stile italiano e ai nostri designer siculi?

Che la first lady amasse il marchio italiano Dolce&Gabbana non era un mistero, ammirazione a quanto pare ricambiata che ha sollevato l’ennesima polemica sui social. I profili dei due designer sono stati invasi da commenti durissimi per aver “aver sostenuto “ la controversa politica del tycoon.Questioni mediatiche a parte, il guardaroba da viaggio della prima signora d’America è stato studiato accuratamente, puntando soprattutto su spolverini e capi spalla ben costruiti, tailleur dal fit perfetto e alte cinture da strizzare in vita. A questo punto non ci resta che aspettare di vedere cosa metterà nella prossima valigia.

Salviamo la nostra cultura

“La cultura è l’ arma più potente che abbiamo per cambiare il mondo”

Così recita una citazione di Nelson Mandela, la quale, in un mondo in cui ci si inventa di tutto per camminare di pari passo con l’era della modernizzazione, sembra essere più attuale che mai. Peccato siano sempre meno le persone capaci di comprenderlo: per questa ragione, la nostra è una cultura che necessità di essere salvata. Purtroppo ci ritroviamo davanti scuole le quali hanno smesso di pretendere e sono sempre più classiste: da tempo chi può fa frequentare ai propri figli scuole private, mentre chi ha meno possibilità, ma è consapevole di tale catastrofe, compensa con impegno personale, tramite corsi estivi e ripetizioni. Vedere ragazzi che, trovatisi dinanzi una cartina muta dell’ Italia non sappiano distinguere una regione dall’altra, oppure dichiarino di non sapere chi sia Cavour, è davvero raccapricciante. È un’ offesa nei confronti di tutti i genitori i quali, pur non avendo grandi possibilità economiche, compiono enormi sacrifici per mandare a scuola i propri figli, sicuri del fatto che venga impartita loro una giusta istruzione. Naturalmente l’ esclusiva responsabilità di tutto non può essere attribuita solo agli insegnanti e al sistema scolastico in generale, perché è ben noto che una parte dei ragazzi non manifesti grande interesse nei confronti della cultura e sia propensa a considerare quest’ultima come un qualcosa di molto lontano dal mondo in cui preferiscono vivere, fatto di tecnologia e tempo trascorso con gli amici. A tal proposito occorre dire che sostituire un libro di carta con un e-book o un tablet per far si che la scuola diventi a “passo di adolescente”, non è il giusto modo per trasmettere l’ importanza e il fascino della cultura, bisogna piuttosto cercare metodi innovativi, conferire maggiore importanza alla cultura classica la quale permette di venire a conoscenza del mondo dal quale proveniamo, di tutto ciò che prima di noi è esistito. Perché, solo attraverso la conoscenza del passato è possibile determinare il futuro che abbia come protagonista la cultura, determinata ad attuare il cambiamento utile per migliorare la società in cui viviamo.

G7, Trump protagonista

Taormina accoglie i leader del mondo libero

Giunto a conclusione il G7 di Taormina, splendida vetrina per l’Italia e per la Sicilia, è tempo di tirare le somme.
Quattro le macro aree su cui è stato incentrato il lavoro dei diplomatici e dei 7 capi di Stato: terrorismo, immigrazione, climate change, e  commercio. Dalla diffidenza della stampa internazionale sulla concreta utilità del format G7, fino ai tanti dubbi sulla apertura al dialogo del Presidente degli Stati Uniti Donald Trump, ci si era affacciati a questa due giorni di lavoro con tante domande e la sensazione che sarebbero rimaste tali.

Terrorismo, uniti

Vividi sono il dolore e lo sgomento per gli attentati in Egitto e per l’attacco infame a Manchester del 23 maggio, così che la dichiarazione sul terrorismo è forte, pronta e condivisa e si apre proprio con il cordoglio per le vittime del terrore.
Sono quindici i punti con cui il G7 dichiara di voler combattere il terrorismo. “Raddoppiare gli sforzi” è l’imperativo comune, contro il terrorismo e dunque contro la radicalizzazione e la povertà. Maggiori risorse saranno concentrate anche sul web limitando, con la collaborazione dei server provider e dei social media, la diffusione dei contenuti d’odio.

Guerra dunque, cibernetica prima che miltare.
Presto una riunione dei Ministri dell’interno per passare dalle parole all’azione.

Più sviluppo che immigrazione

Nel G7 in cui molto tempo (“un quarto del totale” a detta del Premier Gentiloni) si è dedicato al confronto con i capi di Stato Africani e alla questione delle sviluppo e della crescita del continente nero, sull’immigrazione i 7 dichiarano che: “pur sostenendo i diritti umani di tutti i migranti e rifugiati, riaffermiamo i diritti sovrani degli Stati, individualmente e collettivamente, a controllare i propri confini e stabilire politiche nell’interesse nazionale e per la sicurezza”.
La collaborazione incondizionata sull’accoglienza non è dunque scontata, lo si è visto anche in territorio Europeo con le difficoltà enormi nella redistribuzione dei migranti.

Lo sguardo sul Mediterraneo dall’alto di Teormina e l'”outreach” sull’ l’Africa hanno però condotto il dialogo sui i binari giusti: sostenibilità, investimenti nelle infrastrutture e digitalizzazione. Questi i passi che verranno fatti per condurre l’Africa sulla strada dell’autonomia economica e politica.

Climate change, risposta americana tra una settimana

7 contro 1. Nessuno si aspettava che i proclami elettorali sarebbero stati messi da parte al primo meeting internazionale ed infatti Donald Trump non arretra, tanto meno d’altra parte i leader di Italia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Giappone e Canada. Il fronte unico delle 6 potenze mondiali appena elencate ha messo nell’angolo la delegazione Americana che ha ottenuto una settimana in più di riflessione del proprio Presidente per redigere la dichiarazione sul Clima e per decidere se andrà rivisto, se sì in quale misura, il coinvolgimento degli Stati Uniti negli accordi di Parigi del 2015.
“Abbiamo preso atto che mentre 6 su 7 confermano gli impegni sull’accordo di Parigi – ha dichiarato Gentiloni -, gli Usa sono ancora in fase di revisione della loro politica. Mi auguro che questa fase si concluda presto e bene”.
Le difficoltà di Trump sono evidenti.
Russiagate tra le mura domestiche, molte questioni spinose da risolvere in terra straniera e un elettorato a cui rispondere. Aspettiamo, ma l’Europa e gli altri leader sul clima non cedono.

Commercio, no al protezionismo 

Anche qui Donald Trump protagonista. Intenzionato a reintrodurre un minimo sistema di dazi e a proteggere le famiglie e gli imprenditori americani, si scontra con la maggioranza dei leader, decisi a mantenere lo stato delle cose. Ancora un sì quindi alla globalizzazione, ma con la consapevolezza che è necessario, almeno in parte, cambiare le regole del gioco per non farsi trasportare da l’ebrezza del libero scambio incondizionato che tanti danni ha fatto alle famiglie della classe media di tutto il mondo.

 

Tendenze primavera estate 2017

Il recap.

Si sa la natura della donna è completa e ineffabile e le tendenze di questa primavera estate intendono elogiarla.

Completi in gessato, dal taglio maschile ed austero, diventano oversize per un look carico di personalità. Lo ritroviamo in passerella da Acquilano Raimondi nel classico blu, da DKNY in versione sporty e in una strabiliante tinta gialla da Damir Doma.

Monospalla dalle gonne vertiginose, degni dei migliori party anni settanta allo Studio 54, tornano in auge grazie a  Anthony Vaccarello da Saint Laurent ,in velluto e satin, must have di questa primavera.

Come la scorsa stagione il protagonista di giochi di sensualità è la lingerie, riproposta però lì dove dovrebbe essere. Non sono più quindi bustier e reggiseni ad abbellire classiche t-shirt in cotone bianco ma trasparenze femminili che lasciano intravedere panties e biancheria intima. Anelli metallici come decoro di capispalla e giuntura di abiti,sino a diventare il focus di cinte in pelle extralunghe. Immancabile la contaminazione dello streetwear che porta una ventata di anni novanta in passerella. Track suit sfilano orgogliose da Moschino in block color grigio da House of Holland con inserti girlie e da Vetements in fitting over. Tra i colori a far da padrone durante la bella stagione troviamo il fucsia shocking ,tinta inventata da Elsa Schiaparelli all’inizio dello scorso secolo tutt’oggi attualissima. Scelto da Bottega Veneta, sotto forma d’abito in pelle lucida, da Hermès e da Valentino, dove Pierpaolo Piccioli crea una croma decisamente interessante accostandola al rosso e al  bordeaux.

Attenzione alle spalle.

Ci si concentra e si rivisita in chiave contemporanea la classica forma a Y, pensata e ideata negli anni quaranta e ripresa diventando canonica negli anni ottanta.

 Issey Miyake gioca con il motivo plissé, suo marchio di fabbrica, Salvatore Ferragamo accorcia le maniche e alza il punto vita mentre Jil Sander propone un abito dal design leggero, che rievoca la carta pesta.Da Prada a Emilio Pucci passando per Tome arrivano invece, quei pattern psichedelici tanto cari e decisamente caratteristici degli anni sessanta e settanta in sfumature di rosso,blu e giallo.

Utilità è la parola chiave. Maxi tasche e cargo bermuda per Mulberry, Yeezy e Alexander Wang.

Si rimane sulla stessa lunghezza d’onda anche per l’accessorio.

Le tasche sostituiscono la borsa, sono componibili e da portare anche legate a una cintura importante. Le vediamo in Fendi che predilige la giacca con tasche utility, Marni che rende il tutto contemporaneo ed edgy ponendole sopra a mise elegantissime in tessuto tecnico e Givenchy che snellisce le silhouette e vira l’attenzione sul punto vita.

L’aborto fra gli intrecci della politica internazionale

Siamo abituati a pensare la politica internazionale in termini di guerre, di confini, di relazioni economiche e politiche fra gli Stati. Negli ultimi giorni però a dividere il panorama mondiale è stato un tema che di solito non è sotto i riflettori della politica internazionale, un tema delicato dietro il quale si celano enormi interessi e circolano fiumi di denaro da un continente all’altro: l’aborto.

Il ripristino della “Mexico City Policy” da parte di Trump

Tutto ha inizio il 23 gennaio, quando il neo-eletto Presidente degli Stati Uniti Donald Trump firma nello studio ovale un memorandum1 che ripristina la “Mexico City Policy”, abolita da Obama otto anni prima. Con la reintroduzione di tale politica, viene bandito il finanziamento federale degli Stati Uniti a ONG straniere che offrono o promuovono attivamente l’aborto, qualunque sia la provenienza dei fondi usati a tale scopo2 (la politica ha comunque eccezioni per gli aborti in seguito a stupri, incesti o condizioni che minacciano la vita della donna).

Donald Trump firma il memorandum che ripristina la “Mexico City Policy”

È necessario ricordare che anche in precedenza, sotto Obama, la legge USA vietava il finanziamento federale diretto per servizi d’aborto. Ma prima del ripristino della “Mexico City Policy”, le ONG che fornivano o promuovevano l’aborto usando a tal fine fondi non statunitensi, potevano comunque ricevere finanziamenti dagli USA per altri programmi, per esempio la contraccezione.

Trump non ha solo ripristinato la norma, ma l’ha estesa: in passato, quando era stata in vigore sotto Reagan e i Bush, la misura si applicava solo alle organizzazioni che ricevevano finanziamenti dagli USA per la pianificazione familiare, ora invece il requisito di “non eseguire o promuovere attivamente l’aborto” si applica a tutte le organizzazioni che ricevono fondi per attività sanitarie in genere. A tal proposito va sottolineato che gli Stati Uniti sono il maggior singolo donatore ai gruppi che forniscono servizio sanitario nel mondo3. I fondi destinati a programmi di sanità globale costituiscono la voce più ricca della previsione di bilancio del 2017 delle spese degli USA dirette all’estero, ammontando a ben 8,6 miliardi di dollari (fonte: Washington Post4).

Ma quali saranno gli effetti nell’immediato? Secondo Jennifer Kates, vice presidente della Kaiser Family Foundation, in passato la “Mexico City Policy” ha riguardato 600 milioni di dollari di fondi pubblici e la nuova misura ne potrebbe tirare in ballo fino a 8 miliardi5. Comunque vada, saranno ingenti i finanziamenti non più elargiti alle ONG internazionali pro-aborto.

La reintroduzione della norma ha scatenato reazioni contrapposte nella società civile americana. Secondo i gruppi pro-vita finalmente si è riconosciuto che i soldi dei contribuenti non possono essere usati per sostenere organizzazioni di cui molti non condividono gli ideali. Alcuni suggeriscono che i fondi non più conferiti alle ONG pro-aborto potranno essere ridestinati a quelle che forniscono assistenza alle madri senza ricorrere all’interruzione di gravidanza. D’altro canto i gruppi pro-scelta si sono scagliati contro quella che chiamano global gag rule (“legge bavaglio globale”), sostenendo che danneggerà le donne e sarà controproducente, perché aumenterà il numero di aborti insicuri, morti per parto e gravidanze indesiderate6.

Due fra le maggiori ONG sanitarie che sostengono l’aborto nel mondo, cioè l’International Planned Parenthood Federation (IPPF) e la Marie Stopes International (MSI), hanno reso noto che non si adegueranno alla norma e dunque perderanno i finanziamenti federali statunitensi. L’IPPF ha parlato di una perdita di fondi per 100 milioni di dollari all’anno3. Anche Marie Stopes International perderà una notevole quantità di denaro: dati del governo USA mostrano che fra 2010 e 2015 il solo programma governativo SIFPO (Support for International Family Planning Organizations) ha permesso il conferimento a tale gruppo di circa 40 milioni di dollari7. Per avere un’idea dell’attività di queste organizzazioni basta leggere il “Rapporto sull’Impatto Globale” della Marie Stopes International: nel solo 2015 questa associazione ha eseguito ben 3,4 milioni di aborti e cure post-aborto in tutto il mondo8. Infatti obiettivo di queste ONG è, oltre a fornire servizio sanitario, diffondere ed estendere i cosiddetti “diritti riproduttivi”, fra i quali appunto il diritto all’aborto.

I legami politici delle ONG pro-aborto dalle Nazioni Unite alla Clinton

Ovviamente gli interessi in gioco sono grandi e superano il mero dato finanziario. Infatti i legami politici delle ONG sanitarie pro-aborto sono numerosi e si estendono a tutto il mondo, comprendendo anche attività di pressione sui governi e sull’opinione pubblica degli Stati in cui l’aborto non è ancora legale. Nonostante la loro attività non sia sempre cristallina, godono di un’influenza enorme sui Paesi cosiddetti in via di sviluppo e spesso hanno rapporti privilegiati con le Nazioni Unite. Basti pensare che la già citata IPPF è attiva in oltre 180 Paesi attraverso gruppi affiliati e altre associazioni ed è supportata da istituzioni potenti, come il fondo delle Nazioni Unite per la Popolazione (UNPFA), la Banca Mondiale e la Commissione Europea, che fra il 2010 e il 2015 destinò circa 20 milioni di euro all’IPPF (fonte: European Central Database). Considerati i forti rapporti di potere di queste ONG, probabilmente non saranno danneggiate più di tanto dalla decisione di Trump.

Rapporti di potere: Hillary Clinton parla a un evento della Planned Parenthood, ONG sanitaria pro-aborto

L’intreccio politico si allarga quando si scopre che alcuni progetti a cui partecipano l’IPPF9 e Marie Stopes International10 sono supportati anche dalla fondazione Clinton. Non è un mistero che la Clinton sia un’accanita sostenitrice dell’aborto: fra le altre cose, nel 2003 votò al Senato contro il divieto all’aborto con nascita parziale (Partial Birth Abortion Act). Ma c’è dell’altro. Hillary Clinton è molto legata anche a un’altra associazione pro-aborto: Planned Parenthood, filiale statunitense della già citata IPPF e organizzazione controversa che nel 2015 fu colpita da uno scandalo riguardante la vendita di tessuti fetali di bambini abortiti11.

Nelle presidenziali 2016 Cecile Richards, presidente di Planned Parenthood, diede il suo sostegno alla Clinton e l’organizzazione finanziò copiosamente la campagna elettorale dei democratici. Attraverso il suo braccio politico Planned Parenthood Action Fund e donazioni di individui e comitati legati all’associazione, il gruppo arrivò a donare direttamente 1.100.272 dollari ai democratici, senza contare i fondi investiti in attività di lobbismo (fonte: Center for Responsive Politics – 8 febbraio 2017)12.

 

Scontro aperto fra pro e antiabortisti

Dati questi presupposti, i rapporti con il neo-eletto presidente Trump non potevano essere dei migliori. Il 21 gennaio 2017, proprio il giorno successivo all’insediamento di Trump, la Marcia delle Donne invade le strade di Washington per protestare contro Trump. Ma l’evento, fatto passare per spontaneo e popolare, non avrebbe mai avuto così tanta risonanza senza l’appoggio decisivo di gruppi potenti, fra i quali proprio Planned Parenthood, che è premier partner della marcia13 e il cui simbolo campeggia in bella mostra su alcuni cartelli dei manifestanti e sul palco da cui intervengono gli oratori. È un’occasione per l’organizzazione di mostrare i muscoli e di farsi pubblicità davanti al mondo, facendo vedere quanto sia forte la lobby abortista.

Il 23 gennaio Trump risponde ripristinando la “Mexico City Policy”.

Il nuovo scontro fra abortisti e antiabortisti, ormai infuocato, non rimane circoscritto ai confini statunitensi e arriva in Europa, dove le classi dirigenti socialdemocratiche colgono l’occasione per rimarcare ancor più la loro distanza dal neoeletto presidente statunitense. Il 24 gennaio, appena un giorno dopo l’ordine esecutivo di Trump, avviene un colpo di scena, sicuramente già pronto nel cassetto e tirato fuori con magistrale tempismo. Il ministro olandese per il commercio internazionale e la cooperazione per lo sviluppo, Lilianne Ploumen, lancia un’iniziativa di raccolta fondi dal nome “She Decides” (“Decide Lei”) per finanziare le organizzazioni internazionali pro-aborto che perderanno i fondi federali USA per effetto della “Mexico City Policy”14. Un tema di bioetica entra dunque con prepotenza nella politica internazionale e, mentre i media dipingono Trump come un oppressore dei diritti delle donne, i socialdemocratici europei – in pieno declino politico – cercano di riguadagnare parte della popolarità perduta accreditandosi come eroi anti-Trump.

Lilianne Ploumen, ministro olandese per il commercio internazionale e la cooperazione per lo sviluppo e lanciatrice del fondo “She Decides”

L’iniziativa – si legge sul sito ufficiale – “mira ad aumentare il supporto finanziario e politico per la salute sessuale e la pianificazione familiare nel mondo e a mitigare l’impatto dei diminuiti fondi USA”15. Si comprende dunque che la questione dell’aborto a livello mondiale è innanzitutto una questione politica: vi sono organizzazioni sanitarie e Stati che ne supportano apertamente la legalizzazione e la diffusione in tutto il mondo, in un’operazione che alcuni definiscono di estensione dei diritti umani e di miglioramento della sanità globale, altri invece di mero colonialismo ideologico.

Infatti la presenza delle ONG sanitarie che hanno fra i loro obiettivi la diffusione del diritto all’aborto e della sua pratica è rilevante nei cosiddetti Paesi sottosviluppati o in via di sviluppo, spesso poco indipendenti politicamente e in mano a governanti corrotti: vi è dunque il rischio che essi divengano ostaggio di queste potenti organizzazioni pro-aborto. Come a dire: “se vuoi che offriamo assistenza sanitaria al tuo popolo, devi lasciarci promuovere l’aborto”. Questi gruppi internazionali, come visto, dispongono di grandi finanziamenti e sostegni politici, grazie ai quali possono facilmente installarsi in molti Paesi e agire direttamente per la legalizzazione dell’interruzione di gravidanza o per l’estensione delle norme a essa relative, infiltrandosi nelle questioni interne di altre nazioni. Perciò viene spontaneo chiedersi: siamo forse di fronte a un nuovo colonialismo? Inoltre il sostegno indiscriminato di molti Stati, soprattutto occidentali, permette a queste ONG di sdoganare l’aborto a livello mondiale, facendolo passare come una pratica normale, una semplice cura medica. Infine non dimentichiamo che tali sforzi politico-finanziari sono sostenuti dagli Stati attraverso i soldi dei loro contribuenti, che sono obbligati a pagare per l’aborto e la promozione di esso all’estero.

Tornando all’iniziativa “She Decides”, dopo il lancio del neonato fondo il governo olandese vi destina subito una somma di 10 milioni di euro16, seguito da Belgio e Danimarca17, che contribuiscono con un’identica cifra. Anche Svezia, Canada, Lussemburgo, Finlandia, Capo Verde, Estonia e Portogallo aderiscono al progetto, mentre nel frattempo Australia18 e Norvegia19, pur non supportando direttamente l’iniziativa, annunciano un aumento dei fondi a sostegno della pianificazione familiare e dell’aborto.

Ma non è finita qui.

Il 2 marzo il governo belga ospita a Bruxelles una conferenza ministeriale con lo scopo di far partire il supporto finanziario all’iniziativa. Rappresentanti di circa 50 governi assistono all’evento e intervengono, fra gli altri, l’ideatrice del progetto e ministro dello sviluppo olandese Lilianne Ploumen, la sua controparte belga Alexander De Croo e quella canadese Marie-Claude Bibeau20,21.

Una sorta di alleanza internazionale socialdemocratica si sta formando intorno al tema: se in pochi giorni così tanti governi si stanno schierando in difesa delle ONG pro-aborto, questo è un ulteriore segno che vi sono grandi interessi e legami politici nascosti dietro la promozione della pratica a livello mondiale.

 

Fonti:

  1. https://www.whitehouse.gov/the-press-office/2017/01/23/presidential-memorandum-regarding-mexico-city-policy
  2. http://kff.org/global-health-policy/fact-sheet/mexico-city-policy-explainer/
  3. https://www.theguardian.com/world/2017/jan/23/trump-abortion-gag-rule-international-ngo-funding
  4. https://www.washingtonpost.com/graphics/world/which-countries-get-the-most-foreign-aid/
  5. http://www.politico.com/story/2017/01/trump-revives-funding-ban-to-groups-promoting-abortion-overseas-234038
  6. http://edition.cnn.com/2017/01/23/politics/trump-mexico-city-policy/index.html
  7. http://pdf.usaid.gov/pdf_docs/PA00JQ1X.pdf
  8. http://global-impact-report.mariestopes.org/
  9. https://www.clintonfoundation.org/clinton-global-initiative/commitments/experiment-health-financing-and-social-enterprise
  10. https://www.clintonfoundation.org/clinton-global-initiative/commitments/creating-healthiest-generation-ever
  11. http://www.politico.com/story/2015/07/hillary-clinton-planned-parenthood-ties-120794
  12. https://www.opensecrets.org/orgs/totals.php?id=D000000591&cycle=2016
  13. https://www.womensmarch.com/partners/
  14. https://www.nytimes.com/2017/02/20/health/lilianne-ploumen-abortion-gag-rule-she-decides.html?_r=1
  15. https://www.shedecides.com/the-initiative.html
  16. https://www.government.nl/latest/news/2017/01/28/minister-ploumen-launches-she-decides
  17. https://www.devex.com/news/europe-raises-at-least-32-2m-to-plug-global-gag-rule-shortfall-89659
  18. https://www.devex.com/news/australia-responds-to-the-global-gag-rule-89654
  19. http://www.reuters.com/article/us-usa-trump-norway-abortion-idUSKBN15Z1KL
  20. http://www.government.se/4927a5/contentassets/55e247b70faf4f1485e2c58b413c8a10/she-decides-one-pager.pdf
  21. https://www.theguardian.com/global-development/2017/mar/02/countries-to-join-forces-to-raise-funds–safe-abortions-trump-order-conference-global-gag-rule
  22. https://www.avvenire.it/famiglia-e-vita/pagine/soldi-ue-per-gli-aborti
  23. https://www.rtbf.be/info/monde/detail_conference-she-decides-181-millions-d-euros-deja-recoltes?id=9543688

 

Presidente PE a Pieve Torina

Il Presidente del Parlamento Europeo visita le zone terremotate

Le immagini sopra si riferiscono a Pieve Torina, mentre sotto possiamo vedere le immagini della visita a Camerino.

 

Ed ecco alcuni brevi video della visita: