Sports

Tennis – È ufficiale: Federer salta il Roland Garros

Federer salta tutta la sessione sul rosso, compreso il Roland Garros, e Nadal si conferma campione della terra battuta a Barcellona

Lo svizzera lo ha annunciato poche ora fa: anche quest’anno non sarà presente al Roland Garros. Farà il suo ritorno a Stoccarda, il torneo che apre la stagione sull’erba, in programma dall’11 al 17 giugno, e che prepara il campione al suo Slam preferito, Wimbledon.

Avevamo lasciato lo svizzero a Miami, sconfitto alla prima partita da Kokkinakis, interrompendo la striscia positiva di 17 vittorie consecutive. Aveva deciso quindi di prendersi una pausa e saltare la sessione sulla terra battuta. Un mese dopo ha perso anche la prima posizione in classifica, occupata ora da Nadal. Mancava sapere quando sarebbe tornato. Ora è ufficiale: torna direttamente sull’erba, saltando in blocco tutta la stagione sulla terra rossa, Roland Garros compreso. D’altronde non è il suo Slam preferito, si sa. Ciò non toglie che nutre sempre la speranza di portarne un altro titolo a casa, ma, al momento non è la sua priorità. “Non ho più 25 anni e in questo momento devo risparmiare energia per Wimbledon. Il mio grande sogno è tornare a vincere il Roland Garros, ma, il mio obiettivo a medio termine è vincere Wimbledon”. Lo immaginavamo già e lo svizzero ce lo conferma: la sua preparazione punta all’erba di Wimbledon. Anche Nadal commenta la decisione dell’amico e collega, affermando di capirne le motivazioni e rispettarle (dato anche il fatto che giocare sulla terra rossa è più faticoso fisicamente).

Nel frattempo lo spagnolo sta andando alla grande: ha riacquistato il vertice della classifica, ha vinto per l’undicesima volta il Master1000 di Monte-Carlo e sempre per l’undicesima volta ha portato a casa anche il torneo di Barcellona. Batte così un altro record: 46 set consecutivi vinti sulla terra battuta. Come da tradizione il maiorchino ha festeggiato la vittoria con il suo classico tuffo nella piscina del club. Non potrebbe esserci periodo migliore per lui. Non gli resta che suggellare altri successi a Madrid, Roma e Roland Garros.

Previous ArticleNext Article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *