Sports

Napoli e Juve: che duello!

Napoli e Juve: che duello! Le squadre di Sarri e Allegri stanno illuminando il campionato.

Nelle ultime giornate, con l’inizio del girone di ritorno, si è andata delineando una certezza nell’andamento del campionato per quel che riguarda la lotta scudetto. I cali di rendimento evidenti di Roma, Inter e Lazio hanno lasciato in vetta alla classifica le due vere superpotenze del nostro calcio: Juve e Napoli. Se la caratteristica del girone d’andata era stata quella di avere cinque squadre una vicino all’altra, ora la situazione è decisamente cambiata. Adesso per lo scudetto ci sono soltanto due formazioni, opposte e rivali, a darsi battaglia. Sono Juve e Napoli le protagoniste di un duello spumeggiante, fatto di sorpassi e contro-sorpassi, che molto probabilmente terminerà solo all’ultima giornata e che infiammerà i cuori di tutti gli appassionati. Due pianeti, quelli di Napoli e Juve, talmente opposti per ideologia e modo di vivere il calcio, ma che pur hanno un punto in comune: girano intorno alla stessa orbita, quella dello scudetto. Quel tricolore che così intensamente affascina il cuore del popolo partenopeo, a dir poco voglioso di riportarlo sotto il Vesuvio, è lo stesso che la Juve insegue con la solita ferocia, per continuare a scrivere la storia conquistando il settimo scudetto consecutivo, questa volta ancor più motivata da un rivale che riesce a tenere il suo passo. Due squadre diverse, due città agli antipodi, due allenatori toscani e completamente differenti. Sarri e Allegri saranno uno di fronte all’altro il 22 aprile a Torino, in occasione dello scontro diretto all’Allianz Stadium (orario e possibile anticipo ancora da definire). Lì potranno stringersi la mano e mostrare a tutti il loro diverso modo di far giocare le proprie squadre, anche se il campionato molto probabilmente non si chiuderà quel giorno. Nel frattempo, l’obiettivo per entrambi è quello di non lasciare punti per strada. Il finale di stagione si sta avvicinando, stiamo entrando nel vivo. C’è una battaglia tutta da gustare. Il fissismo di Sarri, che non cambia quasi mai uomini, contro l’eclettismo di Allegri, che invece la formazione la cambia quasi sempre. Gli opposti che si attraggono in un luogo che ha spazio per uno soltanto. Quel posto che la Juve ha raggiunto tante volte e che a Napoli ancora non si deve nominare…

Previous ArticleNext Article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *