Sports

Tennis: le due meraviglie sotto il cielo di Melbourne

Anche quest’anno è volto al termine il primo grande slam della stagione giocato in Australia. Edizione straordinaria che ha visto la vittoria di due stelle del tennis, Roger Federer e Caroline Wozniacki, nuovi record e incontri sensazionali. C’è stata la performance di alto livello del giovane coreano Chung, che ha battuto tra i tanti Novak Djokovic, costretto poi ad arrendersi allo svizzero a causa di un infortunio al piede. Peccato il ritiro di Rafael Nadal, costretto a fermarsi ai quarti di finale a seguito di un dolore alla coscia. Tra le donne c’è stata la sconfitta prematura della Sharapova.

Le due stelle dell’Australian Open 2018

Soffermandoci sul tabellone maschile non possiamo che fare un nome: Roger Federer. L’uomo delle meraviglie. A trentasei anni è ancora uno dei tennisti più forti. Sicuramente il più grande di tutti i tempi. È l’uomo dei record: con questa ennesima vittoria, il suo sesto Australian Open, è arrivato a quota 20 slam. Il primo uomo a riuscire in questa impresa; il terzo nella storia del tennis dopo Serena Williams (23) e Steffi Graf (22). Non ci sono parole per descrivere la sua grandezza, la sua eleganza, la sua forza di volontà, il suo sacrificio e la sua perfezione dentro quel campo da tennis e fuori. Federer, che in finale ha battuto il croato Marin Cilic per 6/2 6/7 6/3 3/6 6/1, ci ha tenuto a ringraziare il pubblico: «You guys. You fill the stadiums. You make me nervous. You make me go out and practice. And just like to thank you for everything. Wouldn’t be the same without you guys.» Un pensiero speciale poi è andato alla moglie Mirka e ai quattro figli, senza i quali oggi non sarebbe qui.

Rivolgendoci invece al tabellone femminile. La vittoria che tutti aspettavamo. La vittoria che lei aspettava da tanto. Il trionfo e la consacrazione di una campionessa. Caroline Wozniacki ce l’ha fatta. Ha portato a casa il suo primo slam battendo la numero uno Simona Halep. La prima danese a conquistare questo trofeo. A ventisette anni realizza il suo sogno e riesce così a scrollarsi di dosso quella terribile targa di “numero uno al mondo senza vincere uno slam”. Ha messo fine a tutte le chiacchiere di quelli che in questi anni le hanno chiesto continuamente quando sarebbe arrivata questa vittoria e con determinazione, grinta e coraggio se l’è finalmente portata a casa. Ha dimostrato il suo valore e chissà se seguiranno anche altri slam.

Previous ArticleNext Article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *