Around the World, Attualità, Politica

Ora che un conflitto fra Corea del Nord e USA sembra sempre più vicino, la Cina si vuole preparare per ogni evenienza.

Il test missilistico condotto dalla Corea del Nord il 28 novembre ha destato tutti quanti da un torpore che proseguiva dallo scorso settembre, quando era stato compiuto il test dello Hwasong-14. Non che il minaccioso discorso di Trump all’Assemblea Generale dell’ONU fosse stato molto rassicurante, ma ciò nonostante siamo ormai abituati a veementi scambi di opinioni a livello internazionale. I fatti invece valgono più di mille parole. Nell’ultimo mese sembrava che la Corea stesse eccezionalmente cercando di dimostrarsi più conciliante, forse anche considerando il mutato atteggiamento del vicino cinese nei suoi confronti.

Monitoraggio sul confine

La notizia della conclusione del test missilistico dello Hwasong-15 è stata accompagnata da una affermazione delle autorità nordcoreane secondo cui sarebbe ormai possibile per la Corea applicare con successo cariche atomiche a questa generazione di missili, i quali hanno ormai teoricamente l’autonomia sufficiente per poter raggiungere le principali città americane sulla costa del Pacifico.Anche se diversi esperti sono scettici riguardo la reale fondatezza del recente annuncio, tuttavia la Cina ha inviato un contingente di circa 2000 fra soldati e tecnici militari a ridosso del confine con la Corea, ufficialmente per monitorare le eventuali emissioni radioattive a ridosso del confine sino-coreano. Si tratta del terzo dispiegamento di forze su un confine già blindatissimo.

L’alleanza sino-coreana sembra ormai un ricordo

L’atteggiamento della Cina nei confronti del suo piccolo ma rumoroso vicino è mutata molto in questi ultimi anni: sin dai tempi della Guerra di Corea la Repubblica cinese è sempre stato, seppur con fasi alterne, un vero alleato della Corea del Nord. Tuttavia, a partire dalla morte di Kim Jong-il è cominciato un lento processo di deterioramento delle relazioni bilaterali che si è acuito durante questi anni di Presidenza di Kim Jong-un. Anche se per motivi diversi e con differenti modalità, sia la Cina che gli Stati Uniti desiderano ridimensionare la Corea del Nord. Ai cinesi, in particolare, risulta molto comodo avere uno Stato cuscinetto ideologicamente affine nella penisola coreana, così da controbilanciare l’influenza sudcoreana e giapponese e, in ultima analisi, quella americana. A patto però che vengano rispettate certe condizioni. In merito si è espresso recentemente Shi Yinhong, uno dei consiglieri del governo cinese, sul quotidiano “South China Morning Post” ha definito la Corea del Nord una “bomba a tempo”. Uno dei tanti segnali di aperta insoddisfazione che il Celeste Impero sta dimostrando.

Proposte cinesi

Già da tempo i cinesi suggeriscono una soluzione implicante una concessione reciproca: la Corea del Nord dovrebbe sospendere i sui test balistici e il suo programma nucleare mentre le forze americane e sudcoreane dovrebbero cessare i periodici cicli di addestramento ed esercitazione vicino al 38° parallelo. Dopotutto, non bisogna dimenticare che la principale motivazione addotta dal regime nordcoreano per giustificare il suo programma nucleare sono proprio le “minacce” alla sua sicurezza dovute alla presenza di truppe americane in Corea del Sud (“minacce” che furono addotte a suo tempo dalla Corea del Nord come causa del suo recesso dal Trattato di Non Proliferazione nucleare). Tuttavia questa proposta viene sempre sostenuta inaccettabile dagli Stati Uniti.

L’ipotesi peggiore

Il giornale di Hong Kong “Oriental Daily” ha riferito la notizia che China Telecom sta pianificando l’installazione di infrastrutture per cinque campi profughi al confine con la Corea del Nord. Dato che molti elementi cinesi sembrano ormai considerare un conflitto nella zona come inevitabile, vi è la preoccupazione di come gestire l’enorme massa di profughi che dalla penisola si getterebbe verso il territorio cinese cercando rifugio in caso di guerra . Ma c’è anche chi pensa che Pechino stia progettando qualcosa di ancora più significativo: sono circolate voci circa la possibilità che le forza armate cinesi stiano attuando le fasi preparatorie e logistiche per un massiccio intervento armato nella Repubblica Democratica di Corea, con o senza l’assenso di Kim. Magari per cercare di mettere al sicuro l’arsenale nordcoreano nel caso vi sia un significativo rivolgimento dello status quo. A sostegno di questa teoria viene addotta la costruzione di una enorme autostrada a sei corsie in territorio mancese, diretta verso il confine con la Corea del Nord. Una eccellente arteria stradale per poter far affluire rapidamente uomini, mezzi e materiali.

 

 

 

Previous ArticleNext Article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *